NOMINA DI UN DISTRIBUTORE – AGENTE a DUBAI e negli EMIRATI ARABI

NOMINA DI UN DISTRIBUTORE – AGENTE a DUBAI e negli EMIRATI ARABI

NOMINA DI UN DISTRIBUTORE – AGENTE a DUBAI e negli EMIRATI ARABI

La modalità tipica con cui fare affari negli Emirati Arabi Uniti è attraverso accordi di distribuzione stipulati con distributori locali, opportunamente autorizzati. Questi tipi di accordi possono dare un immediato accesso a preziose connessioni e risorse locali, consentendo alla ditta italiana di promuovere i propri prodotti e servizi in questa regione, in tempi relativamente brevi.

In questo articolo evidenzieremo alcune delle questioni chiave che dovrebbero essere considerate nel contesto di tali accordi, ai sensi della legge degli EAU.

 

LA NORMATIVA SULL’AGENZIA COMMERCIALE

Una ditta straniera dovrebbe sempre considerare la potenziale (o necessaria) applicazione delle leggi locali a un simile accordo. Gli Emirati Arabi Uniti, e il più ampio GCC in materia, hanno specifiche leggi di agenzia commerciale che possono offrire ai distributori locali protezioni legali significative.

Per quanto riguarda gli Emirati Arabi Uniti, la legge federale n. 18 del 1981 sulle agenzie commerciali, come modificata dalla legge federale n. 14 del 1988, dalla legge federale n. 13 del 2006 e dalla legge federale n. 2 del 2010 (“legge sull’agenzia”) ha applicazione nel caso in cui un distributore locale sia un cittadino degli Emirati Arabi Uniti o una società interamente di proprietà di cittadini degli Emirati Arabi e il distributore locale sia stato nominato in esclusiva (in relazione a uno o più Emirati).

 

TASSE E DUTIES

Per quanto riguarda gli EAU, i prodotti soggetti ad un accordo di distribuzione arriveranno generalmente dall’estero, pertanto le parti dovrebbero anzitutto chiarire chi è responsabile dei relativi costi di importazione ed esportazione, ed oneri di sdoganamento. Un modo semplice per definire ciò è quello di impiegare un termine INCOTERM specifico, che è un sistema di termini standard riconosciuti a livello globale, che prescrivono le rispettive responsabilità di un fornitore e acquirente, per quanto riguarda gli obblighi di consegna, importazione, custodia, sdoganamento e assicurazione e così via.

Occorre anche considerare l’impatto di eventuali tasse locali. La maggior parte degli accordi standard di distribuzione, in particolare quelli dei mandanti soggetti a un regime fiscale nel loro paese d’origine, avrà già disposizioni specifiche sulla materia fiscale e su qualsiasi pagamento dovuto in base all’accordo stipulato. Ovviamente, un preponente deve assicurarsi che il prezzo che si aspetta di ricevere dal distributore locale per i prodotti forniti non sia negativamente influenzato dalle tasse (cioè dal distributore locale che trattiene e sottrae dal prezzo qualsiasi imposta pagata, e rimette il prezzo residuo del prodotto al netto di eventuali imposte applicabili). Nel contesto degli EAU, mentre attualmente non vi è alcuna ritenuta alla fonte, che è implementata solo da alcuni altri paesi del GGC, è stata introdotta l’IVA dal 1 ° gennaio 2018 (pari al 5%). Pertanto, il committente straniero deve assicurarsi che vi siano appropriate disposizioni relative all’impatto dell’IVA.

 

LEGGE APPLICABILE E RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE

Spesso una ditta straniera si sentirà a proprio agio e vorrebbe assicurarsi che la legge applicabile al proprio paese di origine sia quella che governa il rapporto con un distributore locale. Tuttavia, in generale, la posizione negli EAU è che le parti non possono concordare che i tribunali stranieri abbiano giurisdizione se i tribunali degli EAU hanno giurisdizione originale (ad esempio nei casi in cui l’accordo è stato stipulato o parzialmente eseguito negli EAU). Ciò si verificherebbe per un accordo di distribuzione relativo agli EAU. Inoltre, laddove i tribunali degli Emirati Arabi Uniti dichiarino la propria giurisdizione e giudichino una controversia, è probabile che applicheranno la legge degli Emirati Arabi Uniti a tale controversia, anche laddove sia prevista una legge straniera applicabile nell’accordo stesso.

Tuttavia, un metodo per provare a garantire che la scelta di una legge straniera sia riconosciuta, è che l’accordo di distribuzione faccia riferimento all’arbitrato come l’unico metodo di risoluzione delle controversie e non ai tribunali stranieri. Gli EAU hanno formalmente aderito alla Convenzione di New York del 1958 sul riconoscimento e l’esecuzione dei lodi arbitrali stranieri e ai sensi di questa convenzione, in linea di massima, i tribunali degli EAU locali dovranno rifiutarsi di giudicare eventuali controversie in cui le parti hanno concordato l’arbitrato come unico mezzi di risoluzione delle controversie. Un arbitro riconoscerà quindi la scelta di una legge governativa straniera per disciplinare le controversie dell’accordo. Naturalmente, ciò non funzionerà con le norme di applicazione necessaria ai sensi della legge dell’Agenzia in quanto, a norma di tale legge, il Comitato delle Agenzie Commerciali e, in appello, i tribunali degli Emirati Arabi Uniti, avranno automaticamente giurisdizione per le controversie.

 

CESSAZIONE E FINE RAPPORTO

Le parti all’inizio di una relazione d’affari sono desiderose di collaborare e raggiungere un proficuo rapporto di lavoro. Naturalmente, le cose non vanno sempre come previsto ed è importante che la ditta straniera sia a conoscenza dei problemi che possono sorgere nel contesto della risoluzione di un accordo.

Ai sensi della legge degli Emirati Arabi Uniti, essendo una giurisdizione di diritto civile, se un accordo è valido e vincolante, le parti non possono riprenderlo, né variarlo o annullarlo, a meno che non per consenso reciproco (mutuo consenso), un ordine del tribunale o per effetto di legge.

Di conseguenza, una ditta straniera che desideri recedere da un distributore locale può scoprire -suo malgrado- che, in assenza di una clausola contrattuale concordata col distribuzione del distributore locale, deve rivolgersi al tribunale per ottenere un’ordinanza del tribunale che dichiari la risoluzione efficace. Ciò è particolarmente rilevante laddove la società debba dimostrare alle autorità locali che la risoluzione è valida ed efficace.

In pratica, non tutti gli accordi sono soggetti alla risoluzione per ordine del tribunale, ma sussiste sempre il rischio che – se la situazione trovi disciplina esclusivamente sul diritto contrattuale di recedere e non si ottenga un’ingiunzione del tribunale, un distributore locale potrebbe, potenzialmente, tentare di agire in giudizio, sostenendo l’argomento che esiste ancora un contratto efficace

Diversamente dall’agenzia commerciale (dove il tribunale non costringe la mandante e l’agente a portare avanti la loro relazione in assenza di un accordo tra le parti), il distributore può rifiutarsi di applicare le conseguenze della risoluzione contrattuale, fino a quando non sia ordinato dal tribunale di farlo, mantenendo così in essere il contratto ancora per lungo lungo tempo.

Anche in questo caso, se l’accordo è registrato ai sensi della legge dell’Agenzia, vi sono una serie di questioni separate da considerare nel contesto della risoluzione di tale accordo.

Nel contesto di accordi non registrati, l’inserimento in contratto di un riferimento specifico al diritto per la mandante straniera di cessare il contratto (ad es. invocando una clausola risolutiva espressa) senza la necessità di un ordine del tribunale  può essere molto utile per consentire a tale parte di rendere efficaci le proprie ragioni senza richiedere un’ingiunzione del tribunale o fornire ulteriori comunicazioni. Naturalmente, il distributore può ancora scegliere di opporsi alla risoluzione e non rispettare le conseguenze della risoluzione, che lascerebbe il mandante senza altra scelta se non quella di perseguire una causa giudiziaria o un arbitrato, a seconda del caso.

 

POTENZIALE DIRITTO AL RISARCIMENTO

Nel caso in cui la legge degli Emirati Arabi Uniti si applichi a un accordo di distribuzione, vi sono concetti di “malafede” e “abuso di diritti” a cui un distributore locale può fare affidamento per rivendicare il diritto al risarcimento in caso di risoluzione o mancato rinnovo del suo accordo di distribuzione, anche se tale diritto di rescissione sia stato regolarmente esercitato, o la scadenza naturale sia intercorsa, in conformità con i termini dell’accordo stesso.

Questo è uno dei motivi principali per cui un preponente straniero cercherà spesso di escludere la legge degli Emirati Arabi Uniti dal regolare i termini del suo accordo di distribuzione. Le circostanze che hanno portato alla cessazione o al mancato rinnovo dovrebbero essere prese in considerazione caso per caso al momento di valutare se un indennizzo debba essere corrisposto al distributore.

Inoltre, a seconda se l’accordo era esclusivo o non esclusivo, questo inciderà sulla valutazione dell’importo del risarcimento dovuto. Mentre la previsione di una rinuncia da parte del distributore di qualsiasi diritto a chiedere un indennizzo può certamente aiutare il mandante a resistere a qualsiasi richiesta di risarcimento da parte di un distributore locale, non lo garantirà necessariamente.

Nel caso in cui sia registrato un accordo di distribuzione, si applica la Legge dell’Agenzia e, come sopra menzionato, il Comitato dell’Agenzia Commerciale e, in appello, i tribunali degli Emirati Arabi Uniti, sentiranno eventuali controversie indipendentemente da qualsiasi scelta espressa di legge applicabile o foro di risoluzione delle controversie specificato nell’accordo di distribuzione.

 

ESECUZIONE

Nel contesto del tentativo di assicurare che una legge governativa straniera sia confermata dall’inclusione di una clausola compromissoria, un preponente straniero dovrebbe garantire che l’individuo che firma per conto del distributore sia specificamente autorizzato a vincolare tale ditta emiratina all’arbitrato. Se un firmatario non è autorizzato in modo appropriato, c’è la possibilità che qualsiasi clausola arbitrale sia considerata nulla e, di conseguenza, il tribunale degli EAU affermi la propria giurisdizione e applichi la legge degli Emirati Arabi Uniti.

Di solito, l’autorità del firmatario del distributore è evidenziata nel Memorandum of Association o in una apposita Power of Attorney separata, sebbene si possa immaginare in generale che il Direttore Generale (general manager) di un’entità con sede negli Emirati Arabi Uniti abbia l’autorità implicita di vincolare la sua azienda all’arbitrato. Nonostante ciò, raccomandiamo di ottenere una copia di qualsiasi documento rilevante che confermi espressamente l’autorità del firmatario.

Tranne che per un accordo registrato ai sensi della legge dell’Agenzia, non è necessario che un accordo di distribuzione sia autenticato o in arabo.

 

PROBLEMI DI AUTORIZZAZIONE

Affinché una persona o ditta locale possa intraprendere attività di distribuzione negli EAU, questi devono essere opportunamente autorizzati a farlo dall’autorità governativa competente. Ad esempio, per quanto riguarda Dubai, un distributore con sede locale sarebbe in grado di distribuire prodotti in zona (ad esempio, mainland Dubai) solo se autorizzato dal Dipartimento economico di Dubai. Se il distributore previsto fosse una società di zona franca degli Emirati Arabi Uniti, sarebbe in grado, per quanto riguarda gli Emirati Arabi Uniti, di distribuire i prodotti all’interno della relativa zona libera ma non in mainland (e avrebbe bisogno di nominare un distributore onshore adeguatamente autorizzato).

Allo stesso modo, nel caso in cui un soggetto straniero stia nominando un distributore con sede negli Emirati Arabi Uniti in relazione a un territorio più ampio, ad esempio il GCC, allora i requisiti di licenza di questi paesi devono essere considerati. In termini generali, le entità straniere non possono direttamente intraprendere attività economiche in questi paesi, ma devono nominare terze parti adeguatamente autorizzate o costituire direttamente imprese autorizzate ad intraprendere tali attività.

Di conseguenza, le disposizioni relative all’assegnazione e alla nomina dei sub-distributori devono essere attentamente considerate negli accordi di distribuzione, anche quando un distributore locale intende utilizzare le filiali come rete di distribuzione in tutta la regione. Si raccomanda che l’accordo di distribuzione conceda in modo specifico la concessione di qualsiasi diritto di cessione o sub-distribuzione subordinatamente alla ricezione del consenso scritto del preponente (in modo che un preponente mantenga il controllo e abbia trasparenza delle disposizioni relative alla distribuzione dei propri prodotti ).

 

Abbiamo evidenziato alcune delle aree che una ditta straniera dovrebbe prendere in considerazione quando si prevede di nominare un distributore con sede negli Emirati Arabi Uniti. Va da sé che è di fondamentale importanza che l’azienda identifichi con attenzione il distributore più adatto e prenda in considerazione le varie implicazioni legali comprese quelle esposte in questo articolo.