MARCHIO INTERNAZIONALE – anche il Brasile aderisce

MARCHIO INTERNAZIONALE – anche il Brasile aderisce

L’ufficio brevetti e marchi brasiliano (BPTO) sta ultimando gli ultimi aggiustamenti per l’avvio del sistema di Madrid. Nelle ultime settimane sono state pubblicate 4 nuove risoluzioni per standardizzare il Tra le principali modifiche, spiccano le seguenti:
  1. a) Regime multi-classe (risoluzione 248/2019): una singola domanda di registrazione può riguardare più di una classe di prodotti o servizi. Sebbene venga assegnato un numero univoco, l’analisi verrà eseguita classe per classe e la decisione finale può essere diversa per ogni classe. Nonostante la convenienza del raggruppamento, le tasse devono essere pagate in base al numero di classi dichiarate. Il sistema multiclasse può essere adottato solo per una nuova registrazione, non per quelle esistenti.
  2. b) Protocollo di Madrid (risoluzione 247/2019): stabilisce la procedura per ottenere la registrazione di marchi ai sensi del protocollo di Madrid. I titolari residenti fuori dal Brasile possono utilizzare Madrid Protocol per ottenere registrazioni di marchi in Brasile.
Ma non sarà possibile estendere al Brasile una registrazione internazionale se già esistente prima del 2 ottobre, 2019. La richiesta di designazione verrà reindirizzata a BPTO e verrà elaborata in modo simile a qualsiasi applicazione locale. L’analisi sostanziale verrà eseguita in tutti i casi, indipendentemente da qualsiasi opposizione presentata da terzi. Come per il Giappone, il Brasile addebiterà un costo aggiuntivo per la concessione della registrazione, da pagare direttamente in OMPI. BPTO non comunicherà l’OMPI sull’esistenza di opposizioni. Pertanto, si consiglia vivamente di avere un ufficio locale che controlli la richiesta di designazione in Brasile.