DUBAI E EMIRATI ARABI – NUOVA PROCEDURA PENALE (Criminal Procedures Law)

DUBAI E EMIRATI ARABI – NUOVA PROCEDURA PENALE (Criminal Procedures Law)

CRIMINI A DUBAI E EMIRATI ARABI – NUOVA PROCEDURA PENALE Un nuovo decreto del decreto legge n. 17/2018 è stato emanato per modificare alcune disposizioni della legge sulle procedure penali, legge federale n. 35/1992 (Criminal Procedures Law,  “CPL”). Ci sono stati cambiamenti e nuove aggiunte che comprendono insieme circa 54 articoli nella CPL. Questo articolo illustra alcuni esempi per fornire una panoramica degli emendamenti: 1- ORDINE PENALE Definizione In linea con il decreto-legge n. 17/2018, l’articolo 332 della CPL definisce ora l’ordine penale come un ordine giudiziario emesso da un membro della pubblica accusa che decide sul merito di un procedimento penale in cui non vede un motivo per il licenziamento o il deferimento al tribunale competente, in caso di taluni illeciti e violazioni. Reati specifici Oltre agli emendamenti, l’articolo 333 della CPL rileva ora che gli ordini penali si applicano alle infrazioni e alle violazioni di cui alle leggi applicabili negli EAU che prevedono le seguenti sanzioni: (i) un’ammenda; o (ii) reclusione e / o ammenda. Il Procuratore Generale è quello che emette una decisione che identifica i delitti e le violazioni che sarebbero soggetti agli ordini penali. Gli ordini penali non si applicano a determinati reati come specificato dall’articolo 334 della legge federale n. 35/1992. Ciò include i crimini che riguardano la sicurezza dello stato e i suoi affari, o i crimini che comportano la deportazione obbligatoria. Applicare una multa Conformemente all’emendamento, l’articolo 335 della CPL rileva che un membro specifico del pubblico ministero può emettere un’ordinanza penale nei confronti di chi ha dimostrato di aver commesso il reato (se applicabile) per costringerlo a pagare una multa come prescritto dal legge. Modifica e cancellazione dell’ordine penale Secondo il nuovo emendamento, l’articolo 344 della CPL prevede che il Procuratore generale abbia il diritto di modificare o annullare l’ordine penale entro 30 giorni dalla data della sua emissione, o di modificarlo a partire dalla data di rinuncia all’obiezione presentata dal partito accusato. Il Procuratore Generale può emettere le decisioni e le istruzioni necessarie per eseguire le disposizioni della sezione che regola l’ordine penale. 2 – POSIZIONAMENTO SOTTO PROBATION ELETTRONICO Si tratta di una misura applicata dalle autorità a una parte, di solito al posto della reclusione allo scopo di confinarlo in un luogo specifico, come ad esempio la sua residenza (nota altrove come arresti domiciliari). Definizione Ai sensi del decreto-legge n. 17/2018, l’articolo 355 della CPL definisce il collocamento in prova elettronica come “la privazione della parte accusata o condannata dall’abbandono del suo luogo di residenza o da qualsiasi altro luogo specificato, in altri tempi, ad eccezione di quanto consentito a lui’. Ciò è specificato da un ordine emesso dalla pubblica accusa o dal tribunale competente a seconda dei casi. Il monitoraggio remoto viene effettuato utilizzando mezzi elettronici e la persona a cui è soggetta sarà obbligata a trasportare un trasmettitore elettronico incorporato per tutto il periodo di collocamento in prova elettronica. Fattori che influenzano la posizione e i tempi per il monitoraggio Quando si decidono i tempi e il luogo, si prenderanno in considerazione la ricezione di cure mediche o l’istruzione o altre circostanze. Controllo remoto In base ad altri articoli come gli articoli 356 e 357 della CPL, il Consiglio dei Ministri, sulla base di una proposta del Ministro degli Interni, specificherà i mezzi, i controlli e il meccanismo utilizzato nell’esecuzione del processo di prova elettronica. La privacy, la dignità e la sicurezza del soggetto monitorato saranno prese in considerazione al momento di decidere i suddetti mezzi elettronici. Ufficiali specializzati In linea con il nuovo emendamento, l’articolo 358 della CPL prevede che determinati agenti del dipartimento di polizia si specializzino nel controllo della conformità del partito oggetto del monitoraggio, in linea con l’ordine o la sentenza giudiziaria. Possono visitare il luogo specificato per assicurarsi che la parte monitorata rispetti i propri obblighi. Un rapporto che mostri i risultati di quanto sopra dovrebbe essere presentato alla pubblica accusa. Posizionamento temporaneo in prova elettronica Oltre a quanto sopra, l’articolo 361 della CPL prevede che la pubblica accusa possa emettere un ordine di mettere temporaneamente sotto controllo elettronico una parte accusata dietro sua approvazione o in base alla sua richiesta invece di mantenerla temporaneamente in custodia. Allo stesso modo, detto ordine identificherà la residenza o il luogo in cui la parte accusata deve essere confinata secondo i tempi specificati nell’ordine. Limitazione sulla comunicazione Inoltre, ai sensi dell’articolo 362 della CPL, la pubblica accusa può stabilire che la parte accusata non può contattare altri criminali, complici o la vittima, senza pregiudizio del suo diritto di contattare i suoi rappresentanti legali. Crimini che non consentono il monitoraggio elettronico L’articolo 363 della CPL rileva che non è consentito emettere un’ordinanza per porre temporaneamente la parte accusata sotto controllo elettronico in relazione a reati che comportano una condanna a vita, l’esecuzione, i crimini che incidono sulla sicurezza interna o esterna dello stato o sui crimini dove la deportazione è obbligatoria. I nuovi emendamenti della CPL proseguono anche per affrontare questioni specifiche relative al monitoraggio elettronico. In altre parti della CPL, e per coerenza, alcuni articoli sono stati modificati per includere eventi in cui una parte accusata è oggetto di monitoraggio elettronico 3 – RICONCILIAZIONE PENALE Ai sensi del decreto-legge n. 17/2018, sono state apportate modifiche agli articoli esistenti, unitamente all’aggiunta di nuove sezioni, che affrontano determinati argomenti, uno dei quali è la riconciliazione penale, che mira a porre fine alla controversia in un procedimento penale in un’amichevole modo (“Riconciliazione penale”). Il decreto legge n. 17/2018 ha introdotto una nuova sezione (“Sezione 2”) che comprende circa nove nuovi articoli relativi esclusivamente alla riconciliazione penale. Secondo il decreto legge n. 17/2018 e tra l’altro, l’articolo 346 è stato recentemente aggiunto alla CPL. Prevede un’opzione per la pubblica accusa o la Corte penale di eseguire le procedure per la riconciliazione penale in base ad un accordo tra la vittima e la parte accusata. Ciò è in linea con le disposizioni di questo nuovo capitolo 2. Se si verifica la riconciliazione penale, il procedimento penale sarebbe chiuso o l’esecuzione di un giudizio sarebbe rimasta, a seconda del caso. Elenco esaustivo Un nuovo articolo, vale a dire l’articolo 347 della CPL, fa ora riferimento a specifici reati che la riconciliazione penale sarebbe consentita in relazione a reati minori e / o violazioni delineati in determinati articoli. Alcuni di quei crimini, in cui è consentita la riconciliazione penale, includono:
  1. aggressione fisica;
  2. alcuni tipi di minacce e ricatti;
  3. alcuni tipi di diffamazione;
  4. registrazione di conversazioni senza approvazione;
  5. fotografare qualcuno senza approvazione;
  6. frode;
  7. emettere un assegno di rimbalzo;
  8. violazione della fiducia; e
  9. violazione di domicilio.
Va notato che, oltre a quanto sopra, la legge esistente prevede già altri eventi che consentirebbero la riconciliazione penale. Scadenza per la riconciliazione penale In linea con l’articolo 347 della CPL, la riconciliazione penale può verificarsi in qualsiasi fase del procedimento penale, anche se è posteriore all’emissione di una sentenza che diventa definitiva (vale a dire, con effetto giudicato). Procedure per la riconciliazione penale In base al nuovo emendamento, l’articolo 348 della CPL prevede che la parte accusata (il suo agente specifico, gli eredi o l’agente specifico degli eredi) possa registrare una riconciliazione penale in un documento autenticato da un notaio pubblico e firmato dalla vittima o i suoi eredi o il loro agente specifico. Ai sensi dell’articolo 349 della CPL, quando la vittima (oi suoi eredi) non avvia alcuna procedura di riconciliazione penale, il pubblico ministero può offrire la possibilità di riconciliarsi prima di deferire alla parte accusata un processo. L’offerta può essere presentata alla parte accusata e alla vittima per un periodo di 15 giorni. Questo periodo può essere prorogato di un ulteriore periodo di 15 giorni. Dovrebbe essere pubblicato un rapporto per stipulare le procedure e registrare la decisione sulla riconciliazione penale. In linea con l’articolo 350 della CPL, il procedimento penale procede secondo le disposizioni della CPL se la riconciliazione penale non è stata effettuata entro il termine specificato di cui sopra. Tuttavia, se la vittima accetta la riconciliazione penale, verrà emesso un rapporto per dimostrare la riconciliazione penale e l’accordo delle parti, che sarà adottato dalla pubblica accusa, dopo che le parti l’hanno firmato. Allo stesso modo, se la vittima si riconcilia con la parte accusata davanti al Tribunale penale, la Corte penale registrerebbe la riconciliazione nel verbale dell’udienza da firmare dalle parti, a condizione che una sentenza non fosse conclusiva in quel momento. Ciò è in linea con il nuovo articolo della CPL n. 351. CONCLUSIONE Questo articolo mira a fornire una panoramica generale sui nuovi emendamenti alla CPL, che sono considerevolmente significativi. Le modifiche apportate a tali emendamenti mirano a introdurre un nuovo e specifico quadro giuridico in materia penale al fine di migliorare l’applicazione della giustizia in modo più moderno, efficiente ed efficace. Come tutti i nuovi emendamenti, questi devono ancora essere testati e, resta da vedere come questi cambiamenti saranno applicati nella pratica. (Disclaimer: pubblicato per la prima volta su Lexis Middle East Law www.lexismiddleeast.com)